E’ più di un’infermiera | Bigodino

Non sempre apprezziamo il modo in cui infermieri e infermiere lavorano. Loro lavorano duramente ogni giorno per il nostro benessere e spesso durante lunghe ore. Brittany Denise è una di quelle infermiere che mette tutto il suo cuore nella cura degli altri, e con una delle sue pubblicazioni su Facebook, ha entusiasmato migliaia di persone.



ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

“La maggior parte di voi sa che lavoro come infermiera. Lavoro in terapia intensiva con bambini nati prematuri o malati. Molte persone pensano che il nostro lavoro sia solo nutrire e coccolare i neonati, e a volte è vero, ma il mio lavoro richiede molto di più. Devo prendermi cura dei bambini che nascono diversi mesi prima del tempo e che non possono sopravvivere nonostante i progressi della medicina. Lavoro con il team responsabile del monitoraggio del battito cardiaco dei bambini, controllando che respirino e che il sistema di respirazione artificiale funzioni. Faccio diagnosi, mi prendo cura di loro e mi prendo cura di dare loro le medicine. Insegno ai nuovi genitori come cambiare i pannolini del loro fragile bambino per la prima volta. Ho messo bambini nel seno della madre per la prima volta (spesso con molti fili e tubi), quando non ha potuto prendere il suo bambino per settimane. Conforto le madri quando non possono stare con i loro bambini. I bambini prematuri passano attraverso trattamenti che nessuno può immaginare. Festeggio con i genitori ogni piccolo miglioramento, ogni volta che un cavo viene rimosso, ogni nuovo grammo di peso del bambino. Vivo con i genitori la gioia di poter portare a casa il loro figlio, dopo aver passato mesi nelle stanze di terapia intensiva.

Vedo meraviglie. Sono testimone di come la vita ritorna e di come supera tutti gli ostacoli. Ma a volte non è così …Devo anche aiutare a rianimare i bambini quando il loro cuore si ferma o quando i loro piccoli corpi semplicemente non possono più combattere. Maledico me stessa quando penso che avremmo potuto fare le cose meglio o diversamente. Lascio quei piccoli teneri tra le braccia dei loro genitori quando né la scienza né tutte le medicine del mondo sono sufficienti. Do le medicine che li aiuteranno a non soffrire nei loro ultimi momenti di vita in questo mondo.

Io aiuto le famiglie a conservare piccoli ricordi che i genitori possono portare a casa con loro per ricordare il loro piccolo che è andato via per sempre. Condivido i ricordi con le famiglie e ridono e piangono insieme. L’ospedale diventa la loro casa. Abbraccio i genitori quando lasciano la stanza dei loro figli per l’ultima volta e spero che le mie parole possano dar loro qualche speranza.

Piango a volte sulla strada di casa, sotto la doccia o prima di addormentarmi. Ho il supporto dei miei colleghi. Tutte quelle altre infermiere con cui ho la fortuna di lavorare. Imparo dalla loro saggezza ed esperienza. Sì, questo è il mio lavoro di infermiera. Ma la vita mi mostra ogni giorno che è molto più di questo.”

katal1

La foto è stata condivisa con il consenso della madre per mostrare la lotta che abbiamo attraversato. La foto è stata scattata quando il bambino ci aveva già lasciato, ed è stata una benedizione stare con lui anche per un tempo così breve. So che tutte le altre infermiere che si sono prese cura di lui condividono le mie sensazioni. La foto è stata scattata da Ashley Trainer-Smas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *